facebook
thumb-1920-425992

Dott.ssa Annalisa Scialpi​

Pedagogista, esperta in dinamiche evolutive - Scrittrice - 

di Annalisa Scialpi

Dien Chan: non solo estetica!

Secondo il settimanale inglese The economist l’Italia occupa il terzo posto nella classifica dei paesi che ricorrono alla chirurgia plastica e alla medicina estetica. L’Italia supera nazioni ben più evolute come Stati Uniti, Giappone, Brasile! I Se, però, per un attimo, facciamo nostre le preoccupazioni della bioetica e in particolare, della filosofia kantiana, che considera il corpo sacro e ‘indisponibile’ a essere modificato, possiamo riflettere con maggiore chiarezza sulle opzioni che la natura mette a disposizione per migliorare non solo estetica, ma anche e soprattutto benessere e funzionalità dell’organismo. Se guardiamo un po’ oltre il materialismo dilagante che vede il corpo solo come macchina biomeccanica e impariamo a percepire ‘l’altra bellezza’, quella che parla nelle ‘incrinature’ del concetto da ipermercato di ‘bellezza’ e cioè, nelle rughe, nei difetti, possiamo già iniziare a essere operatori della nostra bellezza con un unico, basilare, strumento: l’accettazione. Accettare i propri difetti, soprattutto quelli che riguardano la parte più visibile ed esposta, cioè il volto è il primo passo per instaurare un ‘dialogo’ con noi stessi. Il volto, infatti, come ‘specchio’ dell’anima può offrirci una chiave di lettura di noi stessi e cioè, dello stato di benessere/malessere generale del nostro organismo (e non solo). In questo la metodologia facciale Dien Chan può aiutarci, con semplici trattamenti, a detossinare il nostro organismo, intervenendo inoltre su specifiche problematiche d’organo, causa d’inestetismi. E’ ovvio che, nel caso di problematiche più complesse quali le occhiaie, dovute a una molteplicità di fattori (eccessiva pigmentazione della zona sottostante agli occhi, emostasi ed eccessiva vascolarizzazione, invecchiamento per esposizione ai raggi UV, edema periorbitale, lassità cutanea, depressione causata dalla lacrima di valle) la riflessologia facciale non ha la bacchetta magica per effettuare miracoli in breve tempo! Ma è comunque certo che una depurazione dell’organismo, effettuata secondo la metodologia del massaggio vietnamita di linfo-drenaggio, accompagnata da trattamenti detox da affiancare al massaggio (buone norme alimentari, integratori, tisane…), può avere esiti positivi soprattutto a livello del sistema immunitario e circolatorio, ripristinando l’equilibrio energetico generale del nostro organismo. Il dialogo col nostro corpo e con le ‘ombre’ è, quindi, un’occasione preziosa: ci aiuta, veramente, a ritrovare l’autentica bellezza del nostro organismo, quella che nasce da un dialogo vincente con chi, veramente, siamo. E per imparare, come recita un brano di Battisti, ad ‘amarci un po’’… di più!

face
Web agency - Creazione siti web Catania